logo provincial geographic
sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia
scritta sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia

Centro storico del "Borgo"

Planimetria centro storico Borgo Val di TaroPlanimetria centro storico Borgo Val di Taro

Il grande sviluppo edilizio degli ultimi decenni non ha coinvolto la parte più antica del centro abitato che conserva tuttora la sua struttura originaria caratterizzata da un tracciato viario rigorosamente regolare (tre lunghe vie parallele e trasversali ad esse ortogonali) attribuibile ad un piano urbanistico preordinato, collegato alla fondazione ex-novo di una città.

Difficile determinare sotto quale potere politico si sia venuta a creare questa interessante struttura urbana.

E’ probabile che la vera origine sia dovuta alla istituzione di un borgo franco da parte del Comune di Piacenza che in varie occasioni obbligò i Borghigiani a firmare patti e a prestare giuramenti.

Lungo le strade rigorosamente rettilinee, non sono pochi gli edifici che presentano qualche interesse: Torrione (1) resto dell’antico ca­stello demolito negli anni ‘40.

Di fianco ai resti della fortezza troviamo la chiesa di San Antonino (2).

Chiude il terzo lato di piazza XI Febbraio Palazzo Tardiani (3) già Ospedale Vecchio, una massiccia costruzione cinque-secentesca che presenta in facciata cornicioni e lesene in pietra.

Imboccando un piccolo volto in fondo alla piazza si entra in via Cesare Battisti dove possiamo osservare le finestre bugnate di Palazzo Manara (4), il cui timpano tondo è spezzato dall’inserzione del giglio farnese. Arco BertucciArco Bertucci

Appena fuori dal centro storico si può raggiungere l’arco Bertucci (5); si prosegue lungo via Corridoni con Palazzo Molinari (6) con una interessante facciata e un bel balcone in ferro battuto.

Percorrendo via Cassio e vicolo Toti giungiamo in piazza Manara sovrastata dal Palazzo del Pretorio (7), oggi sede del Municipio.

Di fronte a questo edificio, su via Nazionale, Palazzo Bertucci (8), databile verso la fine del ‘600.

Nelle sale un importante ciclo di affreschi risalente alla prima metà del ‘700 orna i soffitti.

Tornando in via Corridoni incontriamo Palazzo Picenardi (9) che ospitò Maria Luigia d’Austria; la facciata ospita due portali in arenaria con capitelli ionici.

Si prosegue verso la chiesa di San Domenico (10): le tre navate presentano archi sostenuti da colonne in pietra. Nel coro medaglioni realizzati dallo Spolverini, pittore di corte di Francesco Farnese; nella sacrestia raffinati stucchi dei primi del 700.

Poco discosto dalla chiesa di San Domenico troviamo il monumento ad Elisabetta Farnese (11), per raggiungere poi Palazzo Boveri (12) che conserva ancora in facciata gli stucchi provvisori realizzati per onorare l’Altezza Reale.

Ormai alla conclusione del percorso segnaliamo, in via Nazionale 54, Palazzo Celi (13); se il portone è aperto meritano di essere visitati il cortile interno, lo scalone e la volta decorata che lo precede.

Da Porta Portello (14), principale ingresso al paese, attraversando il ponte sul Taro, si raggiunge la chiesa di San Rocco, sorta nel 1542 intorno al monastero degli Agostiniani.


Logo Comunità Montana delle Valli del Taro e del CenoDocumento pubblicato
grazie alla concessione
e alla collaborazione della
Comunità Montana
delle Valli del Taro e del Ceno
Illustrazione di Paolo Sacchi
www.sakai.dk

Planimetria centro storico Borgo Val di Taro

Centro storico del "Borgo"

in Arte e Cultura - Borgo Val di Taro
Planimetria centro storico Borgo Val di Taro Il grande sviluppo edilizio degli ultimi decenni non ha coinvolto la parte più antica del centro abitato che conserva tuttora la sua struttura originaria caratterizzata da un tracciato viario rigorosamente regolare… Leggi tutto
Preistoria a Berlini

Breve viaggio nella storia

in Arte e Cultura - Bardi
Preistoria a BerliniI reperti trovati in varie località del Comune attestano che questo territorio era popolato fin dalla Preistoria. Infatti, le prime testimonianze della frequentazione umana ci riportano al Paleolitico medio, da 85000 a 35000 anni fa,… Leggi tutto
MuseoGuatelli

Museo Ettore Guatelli

in Sistema Museale Parmense
Museo del quotidiano - Ozzano Taro Luogo: via Nazionale, 130 - Ozzano Taro di Collecchio (PR).Orario di apertura: domenica dalle 10,00 - 12,00 e 15,00 - 18,00.Domeniche di luglio e agosto: 16,00 - 19,00. Altri giorni su prenotazione.Indirizzi, contatti e… Leggi tutto
Limodorum Abortiunm

L'ambiente naturale del territorio di Bardi

in Arte e Cultura - Bardi
Limodorum Abortiunm“Se la valle del Taro a monte di Fornovo è poco conosciuta, ancor meno lo é quella del Ceno, affluente del Taro - così scriveva Vito Fumagalli che era nato fra queste montagne...- I gruppi di case emergenti dai boschi, a mezza costa e più… Leggi tutto
Il cavallo bardigiano

Il cavallo bardigiano

in Arte e Cultura - Bardi
Bardi costituisce l'area di origine della razza del cavallo bardigiano, il quale, oltre che nell'Appennino emiliano, è ormai conosciuto ed allevato anche nella provincia di Ravenna, in Toscana e nel Comense.Il mantello del cavallo bardigiano èbaio. Di… Leggi tutto

Eventi

Link eventi Provincia di Parma

in Eventi
State cercando un'idea per trascorrere una serata o un fine settimana nel parmense?Mostre itineranti, concerti, sagre, fiere, manifestazioni... potrete cercare questo e tanto altro sfruttando un elenco, diviso per comuni, di link a “calendari eventi” presenti… Leggi tutto

youtube-provincial

La B15 - 2012

logo-b15

PROVINCIAL FINDER

Musei della Provincia

SistemaMuseale2

Musei di Parma (città)

banner-musei-parma-city