logo provincial geographic
sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia
scritta sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia

Cartina via francigena

L’unità dell’Europa trova le sue radici nel Medioevo e nell’unità dell’Europa cristiana, di cui ci parla Rodolfo il Glabro nelle sue Cronache:”...in quel tempo infieriva sugli uomini un terribile flagello: un fuoco nascosto che, quando prendeva un arto, lo consumava e lo staccava dal corpo. ...Una fame rabbiosa spinse gli uomini a divorare carne umana. Viandanti venivano assaliti... e poi tagliati a pezzi, cotti al fuoco e divorati. ...”
In questa Europa finisce per essere l’unica speranza la fede.  Per inseguirla i pellegrini percorrono quel reticolo di strade che porta a Santiago di Compostela in Spagna, a Roma e Gerusalemme, i luoghi sacri per eccellenza. A Santiago si venera il corpo dell’apostolo Giacomo, Roma è il centro della cristianità, dove era stata fondata la Chiesa, con le tombe di Pietro e Paolo, Gerusalemme custodisce il sepolcro di Cristo.
All’interno di questo complesso e articolato sistema viario,  la Via Francigena è uno dei più importanti tracciati nel collegamento tra il nord dell’Europa e Roma. Esisteva già in epoca romana, ma assunse grande importanza durante la dominazione longobarda (VI-VIII sec.), quando chiese e monasteri vengono delegati alla gestione del territorio. Attraverso questo percorso, infatti, che era allora chiamato Via di Monte Bardone, si metteva in comunicazione il regno longobardo di Pavia con i Ducati longobardi meridionali, aggirando le zone controllate dai Bizantini. Dopo la Riforma di Gregorio VII (1073), le chiese diventano anche strumenti di narrazione per proporre una nuova religiosità, che rinsalda l’ortodossia cattolica contro le eresie e insieme vuole affermare la supremazia della Chiesa sull’Impero.
Sulla Via Francigena, costellata di ospizi, cioè di luoghi per il cambio degli animali e per permettere al pellegrino di rifocillarsi e di riposare, si incontra una varia umanità: pellegrini per fede, per penitenza, viaggiatori, mercanti. L’ideale ricostruzione del tracciato è possibile grazie alle loro memorie di viaggio. Sigerico, ad esempio,  Vescovo di Canterbury, annotò, durante il suo ritorno da Roma (990), tutte le possibili soste  fino alla Manica.    
Nel Duecento, con lo sviluppo di nuovi traffici commerciali, iniziò il declino per questo percorso, che non fu mai, però, del tutto abbandonato.


Logo Comunità Montana delle Valli del Taro e del CenoDocumento pubblicato
grazie alla concessione
e alla collaborazione della
Comunità Montana
delle Valli del Taro e del Ceno
Illustrazione di Paolo Sacchi
www.sakai.dk

Vai alla Home Page Arte e Cultura Fornovo di Taro

Fontana

Breve viaggio nella storia

in Arte e Cultura - Albareto
La più antica testimonianza della storia umana toccata dai sentieri della Val Gotra è la famosa pietra di Ribone. In prossimità del passo dei Due Santi si sfiora il monte Ribone sulla cui sommità, costituita da un piccolo pianoro, è stata rintracciata una… Leggi tutto
Salti del diavolo

I salti del Diavolo

in Arte e Cultura - Calestano
La dorsale dei Salti del Diavolo è parte di una formazione che si estende dal Monferrato all'Appennino Modenese che in Val Baganza affiora per circa 5 Km in direzione nord/nord ovest - sud/sud est quasi perpendicolare al corso del torrente, dalla località… Leggi tutto
barboj

I Barboj di Rivalta

in Arte e Cultura - Lesignano de' Bagni
Il paese di Rivalta si adagia a 357 m.s.l.m. sullo sperone che emerge dal rio Madolo e dal Masdone; quest’ultimo è il torrentello che si forma a nord-ovest di Mulazzano e sfocia, dopo undici km, nel Termina.Da Lesignano una strada di quattro chilometri,… Leggi tutto
Sala_Baganza_Calanchi

I calanchi e la malvasia

in Arte e Cultura - Sala Baganza
I calanchi e la malvasia sono, per così dire, gli attributi caratterizzanti il luogo; i primi, detti popolarmente burroni, si raggiungono inoltrandosi verso la Costa. L’ambiente è aspro e quasi inviolato e sprofonda in gole riarse grigio azzurrognolo cosparse… Leggi tutto
Illustrazione planimetria urbana centro storico di Bardi

Bardi castello e borgo

in Arte e Cultura - Bardi
Illustrazione planimetria urbana centro storico di Bardi Il nucleo più antico, altomedievale, si sviluppava a semicerchio ai piedi del castello, all’interno di un bastione. Lo sviluppo successivo rettilineo lungo l’attuale via Pietro Cella é di periodo… Leggi tutto

Eventi

Link eventi Provincia di Parma

in Eventi
State cercando un'idea per trascorrere una serata o un fine settimana nel parmense?Mostre itineranti, concerti, sagre, fiere, manifestazioni... potrete cercare questo e tanto altro sfruttando un elenco, diviso per comuni, di link a “calendari eventi” presenti… Leggi tutto

youtube-provincial

La B15 - 2012

logo-b15

PROVINCIAL FINDER

Musei della Provincia

SistemaMuseale2

Musei di Parma (città)

banner-musei-parma-city