logo provincial geographic
sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia
scritta sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia

GalleriaNazionalePalazzo della Pilotta - Parma

Luogo: Piazzale della Pilotta,15 43100 Parma

tel.0521-233617 - 233309 fax 0521-206336

Orari
da martedì a sabato: 8,30 - 19,00 (chiusura biglietteria ore 18.30)
domenica: 8,30 - 14,00 (chiusura biglietteria ore 13.30)
Chiusura: tutti i lunedì, 1° gennaio, 1° maggio, 25 dicembre

Biglietto intero: € 6,00 Biglietto ridotto: € 3,00
Il biglietto di ingresso alla Galleria Nazionale comprende anche la visita al Teatro Farnese
Ingresso ridotto ai cittadini italiani e stranieri con cui esiste reciprocità dai 18 ai 25 anni.
Ingresso gratuito per tutti i visitatori al di sotto dei 18 anni e al di sopra dei 65 anni.

Siti internet: www.gallerianazionaleparma.it o www.artipr.arti.beniculturali.it

Da non perdere: visita al Teatro Farnese

La Galleria Nazionale e il Teatro farnese trovano collocazione all'interno del Palazzo della Pilotta

Il Palazzo della Pilotta, concepito originariamente come contenitore dei servizi della corte atto ad integrare il sistema delle residenze ducali, collegando il Palazzo di rappresentanza al di là del torrente con la più modesta dimora situata sulla sponda opposta, in prossimità del centro storico, oggi non più esistente, è un monumentale complesso di edifici alla cui esecuzione lavorarono in tempi diversi numerosi architetti.
Il complesso deriva il suo nome dal gioco nobiliare della “pelota”che si praticava nei suoi cortili in particolari occasioni di rappresentanza.

La Galleria Nazionale

GalleriaNazionaleSalaGalleria Nazionale, sala (foto: www.touringclub.it ) Il nucleo della Galleria è costituito dalla collezione dei duchi di Parma Filippo e Ferdinando di Borbone. Durante il susseguirsi degli eventi storici, la splendida collezione Farnese fu dispersa in diverse residenze e ben poco rimase all'originaria sede di Parma. Solo con l'istituzione dell'Accademia di Belle Arti si riuscì a riportare all'antico splendore il patrimonio parmigiano e ad arricchirlo successivamente mediante opere provenienti da Chiese ed edifici religiosi soppressi. Attualmente la collezione vanta pezzi di fondamentale importanza, tra cui si possono citare i superbi capitelli di Benedetto Antelami, provenienti dallo smembrato ambone del Duomo di Parma, e opere di Paolo Veneziano, Spinello Aretino, Agnolo Gaddi, Beato Angelico, Giovanni di Paolo, Niccolò di Pietro Gerini e Bernardo Daddi. Il Cinquecento emiliano è rappresentato da artisti del calibro di Dosso Dossi, Garofalo, Parmigianino e Correggio, fino ai più maturi Leonardo da Vinci, Sebastiano del Piombo, El Greco, Tintoretto. La sezione dedicata al Settecento presenta tele di Sebastiano Ricci, del Tiepolo, di Canaletto e del Bellotto. Nutrita è anche la sezione riservata agli artisti stranieri, in particolare ritrattisti fiamminghi e spagnoli. Recenti restauri hanno ampliato lo spazio espositivo, cui si affiancano i servizi di bookshop e una Sala conferenze e proiezioni. Nel percorso è compresa la visita al Teatro Farnese, progettato da Giovanni Battista Aleotti (1628). (27)

Percorri la Galleria nei due distinti itinerari (A e B), che hanno entrambi il loro inizio dal Teatro Farnese, utilizzato come uno spettacolare e scenografico atrio d'accesso, passando con il mouse sulla mappa sottostante:
Percorso A: ala nord (sale 12 - 13); ala ovest (sale 7 - 8 - 9 - 10)
Percorso B: Sale Ottocentesche - Correggio e Parmigianino (sale 17-19); Rocchetta (sala 18)

Il Teatro Farnese

TeatroFarneseTeatro Farnese - Parma (foto:www.hotelparma.it)Situato al primo piano del Palazzo della Pilotta il Teatro Farnese occupa un grande "salone" che era originariamente destinato a "Sala d'arme" (lunghezza m 87.20; larghezza m 32.15; altezza m 22.65), riadattata e trasformata in teatro tra la fine del 1617 e l'autunno del 1618.
Costruito dunque in brevissimo tempo, usando materiali leggeri come il legno e lo stucco dipinti, il teatro nacque per volontà di Ranuccio I, duca di Parma e Piacenza dal 1593 al 1622, il quale intendeva festeggiare con sfarzo la sosta di Cosimo II de' Medici a Parma, programmata in occasione di un viaggio del Granduca di Toscana a Milano per visitare le tomba di San Carlo Borromeo.
L'inaugurazione del teatro - già ultimato nel 1619 - avvenne solo nel 1628, in occasione delle nozze tra Margherita de' Medici e il duca Odoardo, con uno spettacolo allegorico-mitologico dal titolo "Mercurio e Marte" - con testo di Claudio Achillini e musiche di Claudio Monteverdi -, arricchito da un torneo e culminante in una spettacolare naumachia, per la quale fu necessario allagare la platea con una enorme quantità d'acqua, pompata tramite una serie di serbatoi posti al di sotto del palcoscenico.
Il progetto del teatro, dovuto all'architetto ferrarese Giovan Battista Aleotti detto l'Argenta (dal paese d'origine), subì alcune modifiche su suggerimento del marchese Enzo Bentivoglio.
Data la complessità degli allestimenti scenici e i loro altissimi costi il teatro fu utilizzato soltanto nove volte, in occasione di matrimoni ducali o importanti visite di stato. Dopo l'ultima rappresentazione, risalente al 1732, il teatro decadde lentamente fino alla quasi totale rovina, subendo un colpo terribile con il bombardamento che lo colpì nel maggio del 1944, che determinò la quasi completa distruzione delle parti lignee e di gran parte delle statue in stucco. Il teatro è stato completamente ricostruito nel 1956 secondo il disegno originario: le parti lignee, in origine completamente decorate, furono lasciate grezze, ad evidenziare le poche strutture originali superstiti. 

(testi: www.gallerianazionaleparma.it o www.artipr.arti.beniculturali.it)

 

torna-indietro

 

 

fornovo

Fornovo, 6 luglio 1495

in Arte e Cultura - Fornovo
"Appressandosi dunque Venetiani, Francesi furono i primi, che scaricarono l'artigliere nelle squadre de gl'inimici; le quali fecero più spavento e travaglio de gl'ordini, specialmente ai soldati nuovi, che danno Venetiani allhora, con incredibile desiderio di… Leggi tutto
MuseoAlice

Museo Alice

in Musei di Parma (città)
Museo Alice - Parma (foto Gazzetta di Parma 24/10/11) Luogo: via tenchini lorenzo, 38località Gaione43124 Parma (PR)tel +39 0521648154 Orario: Aperto su prenotazione solo nei mesi estivi. Prezzo: Ingresso gratuito Raccoglie il fascino color ruggine degli… Leggi tutto
Logo Comunità Montana delle Valli del Taro e del Ceno

Geolitologia del territorio di Calestano (Val Baganza)

in Arte e Cultura - Calestano
L’alta Val Baganza, a differenza dell’alta Val Parma non è mo­dellata nella roccia arenaria oli­gocenica stratificata in grosse bancate detta macigno, origina­ta da sedimenti di sabbie in fondali marini profondi (fino a 2000 m. circa) in un periodo compreso… Leggi tutto
chiesa-san-rocco

Chiesa di San Rocco

in Arte e Cultura - Borgo Val di Taro
Con una bolla datata Bologna 1503, Papa Giulio II autorizzava la costruzione di un piccolo cenobio. Nel 1507, rispondendo ai Borghigiani “Exponi nobis fecistis”, autorizzava l’ edificazione di una chiesa annessa, a condizione che fosse officiata dai Padri… Leggi tutto
Codibugnolo

L’ambiente naturale

in Arte e Cultura - Fornovo
CodibugnoloIl territorio del Comune (ha 5.765) è limitato a nord ovest dal corso del fiume Taro, a sud sud est da quello del torrente Sporzana, mentre ad ovest e est i confini non seguono elementi geografici facilmente individuabili. Dal punto di vista… Leggi tutto

Eventi

Link eventi Provincia di Parma

in Eventi
State cercando un'idea per trascorrere una serata o un fine settimana nel parmense?Mostre itineranti, concerti, sagre, fiere, manifestazioni... potrete cercare questo e tanto altro sfruttando un elenco, diviso per comuni, di link a “calendari eventi” presenti… Leggi tutto

youtube-provincial

La B15 - 2012

logo-b15

PROVINCIAL FINDER

Musei della Provincia

SistemaMuseale2

Musei di Parma (città)

banner-musei-parma-city